“Tu sei come una terra”: una poesia di Cesare Pavese

15056394_1177518469004332_6549455214970799661_n

Tu sei come una terra
che nessuno ha mai detto.
Tu non attendi nulla
se non la parola
che sgorgherà dal fondo
come un frutto tra i rami.
C’è un vento che ti giunge.
Cose secche e rimorte
t’ingombrano e vanno nel vento.
Membra e parole antiche.
Tu tremi nell’estate.

Cesare Pavese

[29 ottobre 1945]

da “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”, Einaudi, Torino, 1952

Leggi anche  “Abbi selvaggia pazienza”: una poesia di Gloria Momoli