“Ti penso sempre, sai?”: una poesia di Chiara Trabalza


Ti penso sempre, sai?
Anche quando non sembra, anche quando fa male.
Mi chiedo spesso dove sei, se mi guardi da lassù.
Mi mancano i tuoi abbracci, quando mi stringevi forte
e io, piccola come un granello di sabbia, scomparivo
tra le tue braccia. Se chiudo gli occhi per un attimo
ti sento ancora qui vicino a me.
Il tempo perde valore dietro il calore dei ricordi.
E allora faccio finta che tu ci sia ancora, che oggi
sia ieri, che io sia di nuovo bambina.
Ricordo il tuo profumo che mi faceva sentire a casa
quando mi abbracciavi, le tue mani rassicuranti
che mi asciugavano le lacrime quando piangevo,
il tuo sorriso sempre pronto a dirmi che tutto
sarebbe andato bene. Mi manchi tanto.
Mi manchi sempre. Avrei tante cose da dirti, tanti segreti
da raccontarti, tanti consigli da chiederti, tante
persone da farti conoscere. Ti porto sempre qui, nel mio cuore.
Mi prendo cura del tuo ricordo, dei nostri giorni passati insieme,
delle nostre mattine di sole, dei nostri giorni di pioggia,
dei nostri album di foto, dei nostri piccoli grandi segreti
che erano soltanto nostri.
Non ci sei più eppure sei sempre con me.
Sei distante ma sempre presente.
A un passo dal cuore, ad un bacio di distanza.
Ci sono mancanze che non passeranno mai e ricordi
che ci apparterranno per sempre.
Alzo gli occhi al cielo e mi fermo a cercare la tua stella.
Ovunque tu sia, so che il tuo abbraccio mi arriverà anche da là.

Leggi anche  “Quando tu sarai vecchia”: la dolcissima poesia di William Butler Yeats

Chiara Trabalza