“Ricordo”: una poesia di Eugenio Montale

Foto Mario De Biasi

Lei sola percepiva i suoni
dei miei silenzi. Temevo
a volte che fuggisse il tempo
ostile mentre parlavamo.

Dopodiché ho smarrito la memoria
ed ora mi ritrovo a parlare
di lei con te, tra spirali di fumo
che velano la nostra commozione.

Ed è questa la parte di me che ritrovo
mutata: il sentimento, per sé informe,
in quest’oggi che è solo di rimpianto.

EUGENIO MONTALE, Diario postumo: 66 poesie e altre (Milano, Mondadori 1996).

Leggi anche  "Non nascondere il segreto del tuo cuore": una poesia di Rabindranath Tagore