Crea sito

“Prenditi cura di te”: la poesia di Alessandra Piccolo che insegna ad amare se stessi


Prenditi cura di te.
Non avrai altro al mondo di così caro.
Massaggia le tue gambe stanche, la sera
sorprenditi sorridere tra le vetrine dei negozi nel via vai del giorno e saluta le tue mani, mentre lavorano nel dolore.
Abbraccia le tue spalle almeno una volta al giorno,
e tocca i tuoi capelli con l’affetto dell’unico padre.

Ama il tuo collo nascosto.
Adora i tuoi polsi agili.
Rispetta i tuoi piedi.
Prenditi cura di te.
Non avrai altro al mondo di così caro.

Nutri la tua mente,
lasciale molta corda per spiccare voli infiniti
e poi riprendila per le quotidiane faccende sociali.
Non dimenticare il suo enorme potenziale: onoralo.
Fai molta esperienza ma fermati un momento prima di diventare superbo.

Sii audace senza metterti in pericolo.
Non avrai altro al mondo di così caro.
Stai da solo ma conosci gli altri.
Non pensare di essere il migliore
ma non crederti mai ultimo, anche quando lo sei.
Non giudicarti, analizzati.
Non odiare nessuno, rende frustrati.
Non disprezzare nessuno, rende ottusi.

Ogni cosa e persona e animale e pianta è un miracolo nell’universo caotico.
Pensa in grande.
Domanda perché.
Prenditi il tempo per piangere
e poi prenditi il tempo per fartela passare, ma fattela passare bene.
Non dimenticare.
E poi, cerca di amare il maggior numero di cose
almeno quanto ami te stesso.

Leggi anche  “Perdonami”: una poesia di Pedro Salinas

Rende liberi.

Alessandra Piccolo