“Ti chiamano avvenire”: la bellissima poesia di Ángel González

Ti chiamano avvenire
perché non vieni mai.
Ti chiamano: avvenire,
e aspettano che tu arrivi
come un animale mansueto
a mangiare dalle loro mani.
Ma tu rimani
al di là delle ore,
rintanato chissà dove.
…Domani!
E domani sarà un altro giorno tranquillo
Un giorno come oggi, giovedì o martedì,
o qualunque altra cosa ma non quello
che continuiamo ad aspettare, ancora, sempre.

Ángel González

Precedente "Ti sento qui con me": la bellissima poesia di Oliviero Widmer Valbonesi Successivo "Legami": la nostalgica e bellissima poesia di Catherine Morena Ramos