“Ci sei ovunque”: la bellissima poesia di Lőrinc Szabó

Ci sei ovunque, dove un tempo
io sapevo che c’eri, e ti vedevo, e t’amavo:
e sempre mi saluti con la strada e col bosco,
e la città e il villaggio, giorno e notte ti chiamano,
e la montagna autunnale e la neve
d’inverno, e le riviere e i sibili dei treni
e ovunque il mio lontano desiderio trepidi
da queste venticinque primavere
e dall’estate che è ancora infiammata
dalla follia che resiste.
Tu ci sei: dappertutto: una pioggia
di fiori spegne la mia vita, o mia
gioventù, mia freschezza, gioia mia:
e tutto e dappertutto mi aggredisce con te,
ma si leva dolente il mio lamento sempre:
che cosa sono questi dappertutto:
dappertutto non c’è.

Lőrinc Szabó

I commenti sono chiusi.